Assistenza Ferroli Nomentana

Questa scheda è stata visualizzata 29 volte
Assistenza Ferroli Nomentana
User Rating: 5 (1 votes)

L’esercizio, la conduzione, il controllo, la manutenzione e l’Assistenza Ferolli Nomentana dell’impianto termico e il rispetto delle disposizioni di legge in materia di efficienza energetica sono affidati al responsabile dell’impianto termico. Ma chi è Il responsabile della manutenzione dell’impianto termico è l’occupante dell’immobile. In genere, il proprietario. Se l’immobile fosse locato, tale onere spetterebbe all’inquilino, al locatario o al comodatario. Nel caso di impianto termico centralizzato (quindi dove non siano presenti impianti termo-autonomi), il responsabile è l’amministratore di condominio Di solito, l’occupante non si intende di impianti e quindi trasferisce l’onere al “terzo responsabile”, che non è altro che il tecnico di un’impresa specializzata con determinati requisiti previsti dalla legge. In pratica, il termo-idraulico caldaista Periodicamente, dovrai effettuare due tipi di verifiche la manutenzione: insieme delle operazioni utili a preservare nel tempo le prestazioni degli apparecchi e/o dei componenti ai fini della sicurezza, della funzionalità e del contenimento dei consumi di energia Le frequenze per la manutenzione di ciascun apparecchio/componente vengono riportate dai fabbricanti degli apparecchi e dei componenti dell’impianto termico nei libretti d’uso e manutenzione. La periodicità della manutenzione è quindi fissata dal fabbricante e riportata nel libretto di istruzioni. Normalmente ogni anno, in pratica, sempre Per ricercare la frequenza dei controlli, dovrai cercare il paragrafo all’interno del libretto (vedi figura)

 Assistenza Ferroli Nomentana

A fine controlli, il manutentore deve rilasciare obbligatoriamente un report sulle verifiche e compilare il libretto di di acquisto per fare Assistenza Ferolli Nomentana nelle parti pertinenti Ogni quanto si deve fare il rapporto di efficienza energetica Passiamo alla seconda e ultima verifica il controllo dell’efficienza energetica (o prova fumi o bollino blu verde) Il controllo dell’efficienza energetica dell’impianto, compresa la redazione del rapporto di controllo, è obbligatorio e deve essere eseguito in occasione delle operazioni di manutenzione, con la seguente cadenza Oltre alla tempistica indicata nella tabella precedente, il controllo dell’efficienza energetica deve essere effettuato all’atto della prima messa in servizio dell’impianto a seguito di sostituzione degli apparecchi del sottosistema di generazione, come ad esempio la caldaia nel caso di interventi che non rientrino tra quelli periodici, ma tali da poter modificare l’efficienza energetica  Al termine delle operazioni di controllo il manutentore deve redigere e sottoscrivere il rapporto di controllo di efficienza Energetica in tre copie di ciascuna copia è trattenuta dal manutentore stesso  una copia è rilasciata al responsabile dell’impianto che la allega al libretto di impianto  una copia è inviata a cura del manutentore all’Autorità Competente per le ispezioni. A quest’ultima copia è allegato l’eventuale “bollino blu verde” per coprire i costi delle ispezioni degli impianti termici. Vedi il modello di rapporto di controllo di efficienza energetica

Assistenza Ferroli Nomentana

Che cos’è il “bollino”? Fa parte dell’Assistenza Ferolli Nomentana verde e blu Non è altro che un sistema per effettuare il pagamento dei contributi previsti dalla legge a carico degli utenti. Con il meccanismo del “bollino”, i contributi vengono versati dalle ditte per conto degli utenti. Il bollino che è composto in due parti, riporta un codice numerico univoco ed è di diverso colore a seconda della potenza dell’impianto. Una parte viene apposta sulla copia del rapporto di controllo tecnico rilasciata al cliente, l’altra viene applicata sulla copia che viene trattenuta dalla ditta.

Tel: 06455458090

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*